• Mer. Dic 1st, 2021

Venaria civile: partecipazione, decoro urbano, sicurezza

  • Home
  • Venaria civile: partecipazione, decoro urbano, sicurezza

È necessario elaborare un piano d’intervento complessivo che permetta il ripristino di alcune situazioni deteriorate che riguardano i bisogni di base della comunità.
L’accesso ai cimiteri, la sicurezza e la manutenzione degli edifici pubblici e delle strade, il decoro urbano, il verde pubblico, il funzionamento ordinario dell’Ente che sia efficiente e tempestivo rispetto alle richieste ricevute.
È necessario prevedere risorse economiche aggiuntive ma anche sperimentare nuove forme di collaborazione nella gestione dei beni pubblici, sia promuovendo le opportunità già in essere (patto per i beni comuni) sia verificandone di nuove.
In questo senso sono da promuovere tutte le forme di partecipazione per coinvolgere i cittadini, singoli e/o in gruppi per il coinvolgimento della comunità locale sia nei processi decisionali che nell’attuazione delle scelte politiche adottate.
Vigilanza del territorio. Occorre attuare una cooperazione tra forze dell’ordine e polizia municipale anche potenziando il sistema di videosorveglianza.

Aree cimiteriali

Occorre riattivare completamente l’agibilità delle aree cimiteriali, portando a termine le attività di restauro e di essa in sicurezza. Formulare con i cittadini nuovi accordi al fine di controllare e se possibile diminuire la naturale espansione delle aree dedicate alle tumulazioni, promuovendo la pratica della cremazione.
Recupero del patrimonio storico artistico La Costituzione Italiana esplicitamente prevede la tutela del paesaggio e del patrimonio storico ed artistico, ora il nostro territorio presenta una notevole concentrazione di bellezze naturali e culturali che costituiscono un patrimonio di grande valore. Esso, quindi, va difeso e valorizzato nell’interesse dell’intera umanità e quale promotore principale per lo sviluppo economico. Il recupero del patrimonio artistico deve essere oggetto di particolare attenzione da parte dell’amministrazione comunale, per esempio attraverso la partecipazione a bandi di concorso e la ricerca
all’esterno di fondi necessari alle finanze comunali poiché i beni sono patrimonio di tutti e non solo dei Venariesi.

La sicurezza dei cittadini

Moralità e dignità politica implicano una particolare attenzione alla legalità e responsabilità sociale. Occorre quindi vigilare affinché ogni comportamento illegale sia stigmatizzato anzitutto dai cittadini e perseguito dalle forze dell’ordine. La legalità è una risorsa importante per ogni comunità che voglia crescere libera da condizionamenti e paure.
Venaria Reale è una città nella quale elementi di difficoltà e potenzialità sono entrambi presenti e marcati. La linea di confine tra essi è sottile: il tessuto sociale è storicamente fragile ed è facile che, a causa delle difficoltà generali e di scelte amministrative sbagliate, le difficoltà e le zone d’ombra prevalgano. A ciò si aggiungono le gravi condizioni
economiche delle amministrazioni locali.
Se le risorse sono poche, di necessità si dovrà fare virtù. La prima deve essere quella di applicare, con equità e progressione, tariffe e tassazione locale, con una vera e seria capacità di applicarle. La lotta all’elusione ed evasione è possibile, è un atto di giustizia sociale.
Importante inoltre è la vigilanza, che si può attuare con la cooperazione tra forze dell’ordine e polizia municipale e sistema di videosorveglianza. Si tratta dell’argomento sicurezza, magari poco importante sotto il profilo
statistico degli eventi, ma percepito in modo assai diverso dalla popolazione e quasi inflazionato in tutte le campagne elettorali come concetto astratto, ma appannato quando si cerca una soluzione concreta al sentimento ed alla necessità dei cittadini di sentirsi più sicuri.
Sarebbe utile ampliare il sistema esistente creato e gestito dall’ASM di Venaria che in questi anni lo ha “esportato” con risultati eccellenti, per esempio al Comune di Grugliasco. Un know-how di pregio e all’avanguardia, con due centrali operative già funzionanti, una presso la compagnia dei Carabinieri di Venaria in via Dante e l’altra presso il Comando di Polizia municipale di via Sciesa, che vanno utilizzate appieno:
• per il controllo della sicurezza della cittadinanza (furti, rapine, microdelinquenza) e accorciare i tempi delle denunce anche da parte dei cittadini attraverso siti o social (nel limite che comporta l’uso dei social);
• per reprimere l’abbandono di rifiuti;
• per controllare i punti di accesso alla città.