Categorie
articoli

Cara regione Piemonte che fine ha fatto il programma pit-stop?

Carlo Viggiani 43 anni
Tecnico di laboratorio chimico
Delegato sindacale FIOM

Anche il nostro poliambulatorio doveva farne parte, sebbene a me non risulta che non abbia mai visto la luce.

Lo chiedo per un amico: visto che il centrodestra venariese rivendica a sé stesso di riaprire il pronto soccorso (prerogativa della Regione, governata dal centrodestra) chieda, anche, a sé stesso che fine ha fatto questo progetto avviato a Rivoli, Susa e Pinerolo, seppure con tutti i suoi limiti (carenza di reagenti), come evidenziato dalla stampa locale. clicca qui per approfondire

Ancora una volta abbiamo perso un’occasione per dare un significato ad una struttura che rischia di diventare una cattedrale nel deserto.

Sempre rimanendo sul tema tamponi e mappatura del contagio, leggo con un certo disappunto che la regione Piemonte ha dato il via libera alla possibilità di effettuare test sierologici ai cittadini in laboratori privati, e chi non se lo può permettere?

Le istituzioni non devono tutelare la salute di tutti?

clicca qui per approfondire

Nonostante quanto propagandato, scopriamo che per la riapertura del pronto soccorso, se così possiamo definirlo, toccherà attendere luglio, salvo sorprese, dopo anche Giaveno, altro che prima i venariesi.

clicca qui per approfondire

Bisogna ammettere che, anche con il centrodestra in regione, il peso di Venaria, nel panorama piemontese, non è cambiato. È bene che su questo si rifletta tutti, se si ha a cuore il futuro della nostra città.

Una risposta su “Cara regione Piemonte che fine ha fatto il programma pit-stop?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *