2. Venaria sostenibile economia, ambiente, trasporti, territorio

L’attuazione di una riconversione ecologica, soprattutto a livello locale, è oggi estremamente necessaria. Diventano, quindi, sempre più urgenti e indifferibili una serie di interventi rivolti all’ambiente per una città sostenibile. Il Comune può adoperarsi per attuare e/o promuovere una serie di misure ispirate ai principi dell’economia circolare e alle 4R delle responsabilità condivisa: riduzione, riutilizzo, riciclo, recupero. Le politiche locali in materia di approvvigionamento e consumo di energia, di sistema di raccolta rifiuti, di consumo di suolo pubblico devono seguire tale orientamento per attuare una riconversione ecologica che può diventare un’occasione di sviluppo locale.
La salvaguardia del territorio, inteso come eco-sistema naturalistico ed urbanizzato rappresenta una priorità da perseguire sia con interventi diretti del Comune, sia sollecitando l’azione degli Enti partecipati cui l’Ente è socio oppure gli enti sovraordinati competenti, anche in funzione del rischio idrogeologico in cui ricade una significativa area del territorio.
È possibile pensare all’istituzione del Parco fluviale della Venaria, sia per tutelare le fasce fluviali che per valorizzare il progetto Corona Verde. Un’area naturale e protetta, con orari di apertura e chiusura, con spazi attrezzati ed altri lasciati al paesaggio e alla natura. Un Parco che si dovrebbe caratterizzare, con al proprio interno un “presidio attivo”, sul modello di Cascina Brero e Cascina Oslera, per offrire alle scuole, ai ragazzi, alle famiglie proposte didattiche, ludiche, musicali, sportive e del tempo libero da costruire insieme, con la collaborazione delle nostre associazioni.
Il Parco La Mandria, insieme alla Reggia dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità, necessita di un rilancio pari al potenziale che esprime per la sua posizione strategica ma ancor più perché custode di un notevole patrimonio naturalistico, storico, architettonico e culturale.